La Cittadella del Pensionato - Università Popolare della Tuscia

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Cittadella del Pensionato

L'Università
LA CITTADELLA DEL PENSIONATO

Uno dei problemi che più drammaticamente interpellano ogni tanto la società civile, quanto la chiesa, è quello degli anziani: l'ONU ha dichiarato il 1982 "anno dell'anziano".La Carta dei Diritti fondamentali dell' Unione Europea, art.25 riconosce e rispetta il dirittto degli anziani di condurre una vita dignitosa ed indipendente e di partecipare alla vita sociale e culturale.

Infatti, quello degli anziani è anzitutto un grave problema sociale, a causa del crescente invecchiamento della popolazione; ma è soprattutto, un grave problema umano, a causa della marginalizzazione cui è condannato l'anziano.

Oggi, tuttavia, non è solo la società che emargina l'anziano; è anche la famiglia. Da una parte le giovani coppie tendono a liberarsi subito della tutela dei genitori e a farsi una propria vita e perciò abbandonano, subito dopo il matrimonio, la casa dei genitori per andare ad abitare altrove.

Inoltre, le famiglie oggi amano passare le ferie, isia invernali che estive, lontano da casa, in montagna o al mare.

E' chiaro che a questa mobilità le persone anziane "sono d'impaccio".

Dunque, la famiglia moderna emargina l'anziano.

Ad aggravare la situazione spesso si associano fattori quali la vedovanza e la lontananza dei figli, fisica o affettiva; ciò comporta una diminuzione delle relazioni familiari e l'impoverimento del ruolo dell'anziano nel nucleo familiare.

Gli anziani attivi costituiscono una componente fondamentale in quanto rappresentano una reale risorsa per le famiglie e le comunità locali.

Ci sono anziani che vivono isolati nelle case ma considerano la terza età non come un punto di arrivo ma come un nuovo e stimolante punto di partenza.

Per pianificare interventi ed azioni atte a migliorare la condizione dell'anziano, occorre tenere conto di queste differenze e pensare a progettualità che sappiano interpretare la cultura e i bisogni delle fasce di popolazione anziana. E' quindi importante coltivare progetti , ma altrettanto necessario che la società offra spazi che debbano prefigurare risorse e strumenti di intervento.

In relazione a tale circostanza si propone un progetto volto a migliorare le condizioni di vita a coloro che costituiscono un tesoro inesauribile di saggezza. Per valorizzare la figuara e per attribuire il giusto riconoscimenot dei diritti maturato con il proprio lavoro, perchè non ipotizzare la creazione di una "cittadella dell'anziano"?

Per fare ciò è ipotizzabile il ricorso all'utilizzo di aree verdi edificabili che il Comune potrebbe mettere a disposizione, e il sorgere di una Cooperativa finanziata sia dalla Regione, sia dalla Comunità Europea.

Lo sviluppo delle idee e proposte potrebbbe rivelarsi alquanto proficuo e provocare cambiamenti ambientali.

Ho sempre pensato che un importante cambiamento nelle forme sociali, come l'esistenza di una "cittadella del pensionato" rappresenti una importante innovazione nel benessere della società, sicuramente un investimento sociale e una prevenzione sanitaria di notevole importanza.
                                                                                                                                                               

                                                                                                                                                                                                                                                     Mario Ciccioli

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu