Corso Biennale per la pratica di Perito Assicurativo - Università Popolare della Tuscia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Corso Biennale per la pratica di Perito Assicurativo

I nostri corsi
        

CORSO DI PERITO ASSICURATIVO
Sono aperte le iscrizioni al Corso di durata Biennale di preparazione alla professione di Perito Assicurativo.
Il Corso sara' attivato tra Aprile e Settembre 2016 al raggiungimento delle quote minime di iscrizione. Il corso si adatta alle esigenze di studenti e lavoratori in quanto verra' svolto con frequenza di una volta a settimana per 4 ore. Sara' integrato da attivita' pratica di tirocinio che verra' svolta presso Studi di periti abilitati una o due volte al mese.
Il percorso biennale rilascia Tirocinio ad uso di legge obbligatorio per accedere all'esame di stato previsto per l'iscrizione all'albo.
Il Perito e' una professione che puo' essere svolta anche da ragazzi Universitari che intendano avviarsi ad una professione complementare. Numerosi gli sbocchi lavorativi previsti dalla professione: fiduciario presso Compagnie, CTU Tribunale di Competenza,Perito Di parte per Studi legali, Carrozzerie
Al Momento saranno attivi 20 posti. Per Informazioni Inviate un'e-mail allegando Vs recapiti telefonici e sarete ricontattati oppure chiamateci direttamente:
0761 443278 - 0761 435248 - 392 55 62 796

Professione di Perito Assicurativo

La legge n. 166 del 17 febbraio 1992, ha istituito il Ruolo Nazionale dei Periti Assicurativi per l'accertamento e la stima dei danni alle cose derivanti dalla circolazione, dal furto e dall'incendio dei veicoli a motore e dei natanti soggetti alla disciplina della legge n. 990 del 24 dicembre 1969 (relativa all'assicurazione obbligatoria), creando una figura professionale capace di garantire un giudizio indipendente, attraverso un'attività svolta in piena autonomia.
La legge n. 166 del 17 febbraio 1992, stabilisce che "L'attività professionale di perito assicurativo non può essere esercitata da chi non sia iscritto nel ruolo".

Il corso che proponiamo ha come obiettivo quello di preparare i candidati al superamento dell'esame di idoneità per l'iscrizione al Ruolo Nazionale Periti Assicurativi e di formarli all'esercizio della professione. Prevede Stage di formazione presso accreditati specialisti quali, autoriparatori, studi peritali, agenzie di assicurazioni, cantieri nautici, studi fotografici ecc. Inoltre sono previsti seminari di approfondimento a pagamento presso il Cestar (centro studi auto riparazione), che vanta un'ampia esperienza nell'aggiornamento professionale di coloro che operano nel settore della valutazione e della riparazione del danno sui veicoli (periti, addetti di carrozzeria, liquidatori, ecc.).

Sono previste due tipologie di corso:

Corso biennale con rilascio della dichiarazione di avvenuto tirocinio.
Corso intensivo solo per i candidati che hanno già svolto il tirocinio biennale (dichiarazione autenticata di compiuto tirocinio) e che hanno superato il test di ammissione.
Finalità dei corsi

Il perito assicurativo deve accertare e stimare il danno, stilando poi una relazione descrittiva. La valutazione del perito potrà essere commissionata da una compagnia di assicurazione, la quale sarà in grado di determinare l’indennizzo da corrispondere al danneggiato oppure da un privato, il quale sarà in grado di presentare alla compagnia di assicurazione una richiesta economica di parte. Un’altra attività propria di questo professionista è la stima o ricostruzione dell’incidente stradale in campo giudiziario. In tal caso il perito è chiamato da un magistrato rivestendo il ruolo di consulente tecnico d’ufficio (CTU) o interpellato dalle parti rivestendo il ruolo di consulente tecnico di parte (CTP).

In dettaglio il perito assicurativo si occupa di:

- Studi per la ricerca della responsabilità e delle dinamiche all'origine dei danni.

- Perizie su riparazioni già effettuate, con valutazione dell'esecuzione a regola d'arte.

- Stime sui veicoli danneggiati.

- Determinazione del valore commerciale dei veicoli.

- Esame dei rischi assicurabili.

- Ruolo di consulente tecnico di parte.

- Ruolo di consulente tecnico d'ufficio (Tribunale).

Sbocchi occupazionali:

Il Perito iscritto al Ruolo può riceve incarichi da diversi soggetti quali:

- Compagnie di assicurazioni

- Studi peritali

- Società di autonoleggio

- Studi legali e di infortunistica stradale

- Autoriparatori

- Tribunale Civile e Penale

- Concessionarie Auto

- Privati

I requisiti richiesti per l'iscrizione nel ruolo:

Art. 158 - codice delle assicurazioni private
(Requisiti per l'iscrizione)

Per ottenere l'iscrizione nel ruolo la persona fisica deve essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) godere dei diritti civili;
b) non aver riportato condanna irrevocabile, o sentenza irrevocabile di applicazione della pena di cui all'articolo 444, comma 2, del codice di procedura penale, per un delitto contro la pubblica amministrazione, contro l'amministrazione della giustizia, contro la fede pubblica, contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio, contro il patrimonio per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore nel minimo ad un anno o nel massimo a tre anni, o per altro delitto non colposo per il quale sia comminata la pena della reclusione non inferiore nel minimo a due anni o nel massimo a cinque anni, o per il reato di omesso versamento dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori, ovvero condanna irrevocabile comportante l'applicazione della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici perpetua o di durata superiore a tre anni, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;

c) non essere stata dichiarata fallita, salvo che sia intervenuta la riabilitazione, né essere stato presidente, amministratore con delega di poteri, direttore generale, sindaco di società od enti che siano stati assoggettati a procedure di fallimento, concordato preventivo o liquidazione coatta amministrativa, almeno per i tre esercizi precedenti all'adozione dei relativi provvedimenti, fermo restando che l'impedimento ha durata fino ai cinque anni successivi all'adozione dei provvedimenti stessi;

d) non versare nelle situazioni di decadenza, divieto o sospensione previste dall'articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e successive modificazioni;
e) aver conseguito un diploma di scuola media secondaria superiore o di laurea triennale;

f) aver svolto tirocinio di durata biennale presso un perito abilitato;

g) aver superato una prova di idoneità secondo quanto previsto dal comma 3.

Fermo il disposto dell'articolo 156, non possono esercitare l'attività di perito assicurativo né essere iscritti nel ruolo gli intermediari di assicurazione e di riassicurazione, i riparatori di veicoli e di natanti e i pubblici dipendenti con rapporto lavorativo a tempo pieno ovvero a tempo parziale, quando superi la metà dell'orario lavorativo a tempo pieno.

Ai fini dell'iscrizione, il perito deve possedere adeguate cognizioni e capacità professionali, che sono accertate dall'ISVAP tramite una prova di idoneità, consistente in un esame su materie tecniche, giuridiche ed economiche rilevanti nell'esercizio dell'attività. L'ISVAP determina, con regolamento, i titoli di ammissione e le modalità di svolgimento della prova valutativa, provvedendo alla relativa organizzazione e gestione.

Materie trattate nel corso:

Elementi di diritto e tecnica delle assicurazioni;
Elementi di diritto della circolazione stradale  e della navigazione;
Normativa in materia Responsabilità Civile Auto;
Estimo e valutazione Danni;
Meccanica;
Veicoli a motore e natanti;
Elementi di fisica;
Elementi di topografia;
Elementi di cinematica e topografia;
Elementi di fotografia;
Applicativi gestionali;
Tecniche di relazioni interpersonali.


 
 
 
 
 
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu